Google+ Followers

sabato 9 febbraio 2013

l II Congresso internazionale di Medicina Integrata dal titolo "Il Nuovo Corpo e la Mente" che si terrà a Bologna il 22 e 23 Marzo 2013 presso l'Auditorium del CNR, si pone come obiettivo l'integrazione in campo medico di tutte quelle figure professionali che hanno come interesse lo studio, la diffusione didattica e la ricerca nelle discipline mediche dell'omeopatia, dell'agopuntura, della psicoterapia e della ricerca nell'ambito geriatrico-gerontologico e della medicina anti-aging.
Per tale obiettivo si avvale delle figure più prestigiose in suddetti campi scientifici e vuole essere punto di partenza di un cammino che medici, specialisti o non, di varia esperienza professionale nella pratica convenzionale e nelle medicine complementari, vogliono attuare insieme per creare una rete d'integrazione comune e reale per il bene e il bisogno dei pazienti che costantemente si rivolgono a loro nell'incessante richiesta di aiuto.
Il paziente con disturbi del "corpo e della mente", disturbi di chiara natura psicosomatica, con rilievi sia psicologici, come l'assistenza al paziente oncologico, che psichiatrici, come i disturbi da ipercinesi infantile o ADHD, che si rivolge alle medicine non convenzionali lo fa particolarmente per gestire soprattutto tutto quel corteo sintomatologico di sintomi "minori" o per alleggerire i disturbi che i vari protocolli terapeutici determinano: le terapie più usate in Italia e all'estero vanno dall'omeopatia all'antroposofia, dall'agopuntura all'auricoloterapia.
I relatori di questo convegno ci dimostrano, oltre le valide teorie di sostegno in ambito omeopatico in pediatria, in campo PNEI, o sulle problematiche dello studio dei sogni o sulle ultime ricerche nella medicina anti aging, che i modelli di network di integrazione medica possono esistere come avviene in molte realtà ospedaliere e ambulatoriali disseminate lungo la nostra penisola.

Le Letture Magistrali di importanti esperti internazionali aiuteranno a comprendere come integrare maggiormente il sapere medico scientifico. 

Nessun commento:

Posta un commento